ANCONA, SEDICI INDAGATI PER BRACCONAGGIO NEL PARCO FRASASSI

ANCONA, SEDICI INDAGATI PER BRACCONAGGIO NEL PARCO FRASASSI

169
CONDIVIDI
caccia.png

Sedici persone sono indagate dalla Procura di Ancona per attivita’ di bracconaggio in area protetta, nela fattispecie all’interno del Parco della Gola della Rossa e di Frasassi. Sono residenti nei Comuni di Senigallia, Arcevia, Ostra Vetere, Barbara, Castelleone di Suasa e Trecastelli. A 7 di loro e’ contestata anche la detenzione di armi e munizioni non denunciate alle autorita’ di pubblica sicurezza. Un cacciatore e’ stato denunciato per detenzione illegale di specie protette e particolarmente protette appartenenti alla fauna selvatica autoctona. Dopo le perquisizioni effettuate da 50 carabinieri forestali di Ancona, Macerata, Pesaro e del Reparto carabinieri Parco nazionale dei Monti Sibillini, sono state sequestrate 518 munizioni a palla, 2.620 munizioni spezzate, 12 uccelli impagliati appartenenti a specie particolarmente protette, 7 fucili, 1 pistola calibro 357 magnum, 14 collari GPS per cani, 7 smartphone, 2 gabbie trappola a castello per catturare uccelli. Tutti gli indagati rischiano l’arresto fino a 6 mesi, mentre i sette indagati per le armi e munizioni non denunciate rischiano fino a 5 anni di reclusione.

Commenti

commenti