CAGLIARI, FORESTALI SEQUESTRANO FUCILI E STRUMENTI DI CATTURA

CAGLIARI, FORESTALI SEQUESTRANO FUCILI E STRUMENTI DI CATTURA

32
CONDIVIDI

Nell’ultima settimana sono scattate quattro le denunce all’Autorita’ giudiziaria e 34 contestazioni di illecito amministrativo da parte del Corpo forestale, durante l’attivita’ di repressione dell’uccellagione. Ai bracconieri sono stati sequestrati i fucili e gli strumenti illeciti di cattura. In due rischiano sino a 18 mesi per porto abusivo d’arma. Il primo, un quarantenne di Gonnosfanadiga con precedenti penali in materia di bracconaggio, e’ stato colto in flagranza dal personale della Stazione forestale di Villacidro mentre esercitava la caccia senza licenza di porto di fucile a Monte Linas. Il secondo, un 60enne di Capoterra, e’ stato sorpreso dagli agenti della locale Stazione in localita’ Poggio dei Pini mentre imbracciava un fucile in attivita’ di caccia in assenza di licenza di porto d’arma. In entrambi i casi i fucili sono stati sequestrati. I forestali di Sinnai hanno sorpreso in flagranza di reato un 52enne del paese mentre si apprestava a piazzare reti e trappole in un sentiero a San Gregorio: sequestrate 150 trappole e 45 reti. E’ un 48enne di Masainas, invece, l’uomo colto in flagranza di reato dagli agenti della Stazione forestale di Teulada: posizionava lacci per la cattura di ungulati e reti per uccellagione in localita’ Masoni de Monti, tra l’agro di Teulada e Santadi. Oltre ai sette lacci per la cattura di ungulati appena piazzati gli sono state sequestrate 60 reti per uccellagione, trovate durante la successiva perquisizione domiciliare. I due rischiano pene sino a un anno.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti