MURATELLA, MOV. AN.: “LA SALUTE DEGLI ANIMALI NON È UN PROBLEMA DI...

MURATELLA, MOV. AN.: “LA SALUTE DEGLI ANIMALI NON È UN PROBLEMA DI SERIE B”

79
CONDIVIDI

Sulla preoccupante situazione sanitaria nel canile della Muratella, il Movimento Animalista Roma condivide appieno il contenuto della lettera che le associazioni Leidaa, Enpa, Lav, Leal, Lndc, Oipa, Animalisti italiani hanno indirizzato alla sindaca Virginia Raggi (“Il Comune è tenuto a vigilare sulle condizioni di detenzione e sulle cure prestate ai cani e gatti di sua proprietà”) e l’azione delle forze politiche di opposizione. che con un  esposto hanno richiesto alle autorità competenti di accertare le responsabilità dei fatti.

“Già da tempo – ricorda Cristina Valeri, coordinatrice del Movimento a Roma – era stato richiesto che la Giunta capitolina vigilasse sulla gestione del canile sanitario dove c’erano state nei mesi scorsi delle segnalazioni di mala gestio. Chiediamo alla Sindaca – prosegue – di vigilare affinché il Canile sanitario di competenza della Regione Lazio, ubicato dove si trova  anche la struttura del Canile Rifugio, sia correttamente ed adeguatamente gestito dalle AUSL Competenti  come previsto dall’ancora vigente Legge Regionale del 21/10/1997. La suddetta Legge  e successiva DGR 43 del 29/01/201 prevede che nel canile sanitario che ha funzioni di prima accoglienza per gli animali feriti, randagi, vaganti  debbano essere erogate dalla AUSL  le prestazioni sanitarie nei confronti dei cani ricoverati. La tutela degli animali – conclude Valeri – non può essere considerata una questione di serie B. Pur comprendendo le molteplici  difficoltà tipiche della gestione della città di Roma, considerare un problema secondario la tutela e la salute degli animali contribuisce ancora una volta ad annientare la dignità animale e a dare una pessima immagine  della città e della sua amministrazione da parte delle forze politiche di maggioranza” .

Commenti

commenti