TORINO, IN REGIONE UN CONVEGNO SUL CIRCO SENZA ANIMALI

TORINO, IN REGIONE UN CONVEGNO SUL CIRCO SENZA ANIMALI

27
CONDIVIDI
leone circo.png

Per quali motivi scientifici la vita degli animali e’ incompatibile con il loro utilizzo nelle attivita’ circensi? Cosa sta accadendo nel mondo e quali sono i modelli applicabili e le opportunita’ da cogliere per fare un passo avanti nella direzione auspicata dai cittadini, sempre piu’ avversi allo sfruttamento degli animali? Perche’ in Italia e’ necessaria e urgente una riforma del settore dello spettacolo che preveda la dismissione degli animali dai circhi e la riconversione delle tradizionali attivita’ circensi secondo forme di spettacolo che valorizzino espressioni artistiche umane? Sono questi i temi e gli interrogativi su cui si riflettera’ durante il convegno “Il circo senza animali, il circo del futuro”, che si terra’ a Torino mercoledi’ 6 marzo 2019, alle ore 14,30, a Palazzo Lascaris (Sala Viglione). L’evento e’ promosso dal Consiglio regionale del Piemonte attraverso l’ufficio del Garante dei diritti degli animali della Regione Piemonte.

Interverranno, oltre allo stesso Garante Enrico Moriconi, anche la vicepresidente del Consiglio regionale Angela Motta e il consigliere segretario Domenico Valter Ottria. Fra i relatori: Fabrizio Gavosto, direttore artistico del Festival Mirabilia; Alessandro Serena, docente Scuola di circo dell’Universita’ di Milano; Valeria Campo, presidente della Commissione ministeriale settore Circo; e Luisa Cuttini, direttore artistico Circuito Claps. Molte nazioni stanno legiferando per trasformare lo spettacolo circense indirizzandosi verso l’impiego di soli artisti. “Con molte difficolta’ e’ stata varata una legge nazionale che prevede la progressiva dismissione degli animali, seppur al momento manchi ancora il regolamento di applicazione. Il convegno si pone l’obiettivo di discutere il futuro del circo affrontando le problematiche che si manifesteranno con l’entrata in vigore della legge, sia per il circo tradizionale sia per quello contemporaneo” spiega Moriconi.

Commenti

commenti