FNOVI, NUOVE LINEE-GUIDA PER LE PRESTAZIONI IN STRUTTURE VETERINARIE

FNOVI, NUOVE LINEE-GUIDA PER LE PRESTAZIONI IN STRUTTURE VETERINARIE

451
CONDIVIDI

All’attività chirurgica occorre porre particolare attenzione “anche al fine di ridurre l’uso degli antibiotici,  promuovendone e incentivandone l’uso consapevole e prudente, con misure preventive alla diffusione di organismi multiresistenti anche tramite procedure di igiene, pulizia, sanificazione, disinfezione, sterilità, asepsi ed antisepsi”.

La raccomandazione fa parte delle ”Linee di Indirizzo relative agli aspetti organizzativi, strutturali, procedurali, strumentali e di personale operativo per l’erogazione di adeguate prestazioni medico veterinarie nelle strutture per animali d’affezione”, pubblicate ieri dalla Federazione nazionale degli ordini veterinari italiani (Fnovi) sul proprio sito https://www.fnovi.it/fnovi/chi-siamo

“La Fnovi – spiega una nota – ha ritenuto utile, alla luce del progresso della medicina veterinaria, stilare Linee di Indirizzo per l’adeguatezza delle prestazioni rese in termini di mezzi, personale e strumenti nelle strutture medico veterinarie per animali d’affezione, in relazione alla tipologia della struttura stessa e in coerenza con il Codice Deontologico e il Codice Europeo di Buone Pratiche Veterinarie”. “Le Linee di indirizzo e le Buone Pratiche Veterinarie – aggiunge il testo – sono procedure di comportamento medico affinché la prestazione medica e chirurgica sia corretta, diligente e prudente, mettendo in campo tutte le procedure e i mezzi possibili per ridurre i rischi per il paziente, al fine della tutela del benessere, della salute degli animali e della salute pubblica.

Restano ovviamente ferme le previsioni dell’Accordo Stato Regioni e i relativi recepimenti regionali, comunque nell’attesa di un’auspicabile revisione di norme ormai non adeguate e obsolete che risalgono al 26 novembre 2003. Il documento prende in considerazione principi generali e aspetti di operatività quotidiana, modulandoli in relazione alla tipologia della singola struttura medico veterinaria con un duplice obiettivo: essere strumento di riferimento della professione e di comunicazione verso la pubblica opinione. Queste Linee di Indirizzo – conclude Fnovi -sono state redatte anche a dimostrazione dell’attenzione che la professione stessa presta alle esigenze, espresse da un’utenza sempre più informata ed accorta, di aggiornamento e adeguamento”.

 

Commenti

commenti