CAPODOGLIO SPIAGGIATO, WWF: NEL MEDITERRANEO 1/3 UCCISI DALLA PLASTICA

CAPODOGLIO SPIAGGIATO, WWF: NEL MEDITERRANEO 1/3 UCCISI DALLA PLASTICA

151
CONDIVIDI
capodoglio spiaggiato.jpg

Nel Mediterraneo 1/3 dei capodogli trovati morti e’ stato ucciso dalla plastica. Lo afferma il Wwf commentando la notizia dell’esemplare trovato morto in Sardegna, nel cui ventre sono stati trovati piatti monouso, un tubo corrugato usato per gli impianti elettrici, le comuni buste per la spesa, grovigli di lenze, sacchi condominiali, persino l’imballaggio di un detersivo con ancora riconoscibili marca e codice a barre e numerosi altri rifiuti abbandonati in mare. La giovane femmina di Capodoglio, spiega l’associazione ambientalista, e’ stata trovata morta in Sardegna a Cala Romantica, Porto Cervo in Costa Smeralda con all’interno del corpo ben 22 chili di plastica e un feto di circa 2 metri in avanzato stato di decomposizione. Le femmine di Capodoglio, spiega il Wwf, raggiungono la maturita’ sessuale all’eta’ di 7 anni e l’estro compare ogni 3-5 anni. Probabilmente quel feto rappresentava la prima e ultima gravidanza di questo esemplare. La scoperta, comunicata su Facebook dal ricercatore Luca Bittau, e’ stata fatta dai veterinari dell’Istituto Zooprofilattico di Sassari e della Facolta’ di Veterinaria di Padova. Per conoscere con certezza le cause della morte sara’ necessario attendere gli esami istologico e tossicologici dei veterinari di Padova.

Commenti

commenti