PASQUA, IL MENU “CRUELTY FREE” PROPOSTO DA LAV

PASQUA, IL MENU “CRUELTY FREE” PROPOSTO DA LAV

31
CONDIVIDI

Per la Pasqua, da 15 anni la Lega Antivisezione (Lav) propone il menu cruelty free, cioe’ privo di ingredienti di origine animale e per il secondo anno consecutivo FunnyVeg Academy (scuola di alta cucina, fondata dallo chef Simone Salvini e nata dalla collaborazione di professionisti con esperienza pluriennale nel campo dell’alimentazione a base vegetale) ha ideato per la Lav il menu 100% veg. Per iniziare hummus di piselli e cialde croccanti, seguito dai cannelloni al profumo di basilico mentre per secondo un tortino primaverile di asparagi. Chiude in bellezza un goloso tiramisu’ alle noci di macadamia. “Da 15 anni dimostriamo che celebrare una festa con un menu d’eccezione che concilia gusto e sensibilita’ per gli animali e’ non solo possibile, ma anche semplice” commenta la Lav osservando che “la cucina vegana e’ pratica e alla portata di tutti, come dimostra il proliferare di scomparti veg in ogni supermercato, di ristoranti e blog dedicati”. Sebbene in cinque anni gli agnelli macellati in Italia nel periodo pasquale “siano scesi di quasi il 14%, lo scorso anno, purtroppo, piu’ di 350mila di questi animali macellati in Italia (dati Agri-Istat) sono finiti sulle tavole degli italiani, in contrasto con la resurrezione che questa Festa rappresenta”, aggiunge la Lav ricordando che 15 anni fa “erano piu’ di 638 mila gli agnelli macellati”. Passi avanti, ma non bastano, conclude la Lav nel ribadire che “il consumo di alimenti di origine animale non e’ mai giustificabile, perche’ implica sempre sofferenza e morte, non solo a Pasqua”.

Commenti

commenti