ISTAT: IN CALO LA RACCOLTA RIFIUTI URBANI

ISTAT: IN CALO LA RACCOLTA RIFIUTI URBANI

16
CONDIVIDI
sacchettiplastica.png

In calo la raccolta di rifiuti urbani: nel 2017 era pari a 488,7 kg per abitante. Emilia-Romagna e Toscana sono i primi produttori, con 600 kg o più per abitante. In ambito europeo, il nostro Paese si posiziona poco sopra la media. E’ quanto emerge dall’edizione 2019 di ‘Noi Italia’ dell’Istat. L’Istat indica ancora in diminuzione i rifiuti raccolti e smaltiti in discarica: nel 2017 sono 114,4 kg per abitante, pari a poco meno di un quarto del totale. La situazione di maggiore criticità, con quote superiori al 55% di rifiuti urbani conferiti in discarica, si riscontra in Molise, Sicilia e Calabria. L’Italia è in linea con la media Ue (114 kg per abitante). Per quanto riguarda la raccolta differenziata, nel 2017 sale al 55,5%, confermando il trend di crescita degli ultimi anni. L’obiettivo del 65% previsto per il 2012 resta però ancora lontano – sottolinea Istat – Le Province autonome di Trento e Bolzano, Veneto, Lombardia e Friuli-Venezia Giulia superano ampiamente tale obiettivo mentre la Sicilia, con il 21,7%, si conferma la più lontana dai target europei, nonostante un aumento della raccolta differenziata pari a oltre sei punti percentuali in un anno.

Commenti

commenti