NATIVI AMERICANI: TUTTI A RISCHIO PER IL GLOBAL WARMING

NATIVI AMERICANI: TUTTI A RISCHIO PER IL GLOBAL WARMING

18
CONDIVIDI
siccita.png

“La nostra vita nell’America di oggi e’ in pericolo, e non sono in pericolo solo i Lakota Sioux ma anche tutti gli esseri umani a causa di temi molto attuali come il riscaldamento globale e gli effetti che questo ha sul pianeta”. Lo ha detto Moses Brings Plenty portavoce della nazione indiana dei nativi americani dei Lakota Sioux e star del cinema in visita a Firenze per “rinnovare e rinsaldare i rapporti tra questa regione e la nazione Lakota”. “Adesso per esempio – ha spiegato Moses Brings Plenty – nelle nostre terre stiamo lottando per salvare gli ultimi cavalli selvaggi dall’estinzione e salvare gli ultimi bisonti americani. E la nostra lotta deve essere di supporto ai fratelli in Puglia che lottano per non far tagliare gli ulivi secolari, quindi come vedete abbiamo temi di lotta comune per l’ambiente perche’ cio’ che accade all’ecosistema di casa nostra avra’ effetto sulle persone qui in Italia e tutto cio’ che verra’ fatto in Italia sull’ecosistema avra’ effetti sulla mia gente”. Parlando poi degli Stati Uniti di oggi, il portavoce dei Lakota Sioux ha detto di “non essere d’accordo con le politiche di Trump, gli Stati Uniti hanno tagliato il budget per la protezione dell’ambiente, ma secondo me senza un ambiente sano non puo’ esserci un’economia sana. L’ambiente e’ in grande pericolo, noi pensiamo che la tecnologia sia la risposta ai problemi, ma e’ la natura la vera risposta”. Moses Brings Plenty e’ stato accolto a Palazzo Medici Riccardi dal presidente del consiglio comunale di Firenze Andrea Ceccarelli che ha voluto rinnovare i rapporti istituzionali avviati nel 1998 con la nazione Lakota e che hanno permesso lo sviluppo di vari progetti didattici, culturali, scientifici e antropologici. Per Ceccarelli “abbiamo molto da imparare da questo popolo che ancora oggi continua la battaglia per la difesa dell’ambiente, per la sostenibilita’ e per la difesa della propria identita'”.

Commenti

commenti