RUSSIA, TIENE BALENE IN UN ‘LAGER’: “SONO MIE, NON LE LIBERO”

RUSSIA, TIENE BALENE IN UN ‘LAGER’: “SONO MIE, NON LE LIBERO”

559
CONDIVIDI
balena.jpg

Il proprietario delle orche e delle balene beluga tenute ‘prigioniere’ nel centro marino della baia di Srednyaya, nell’Estremo Oriente russo (soprannominato “il lager delle balene”) ha detto che non ha nessuna intenzione di rilasciarle, perlomeno di sua spontanea volonta’ – al contrario di quanto dichiarato da mesi a questa parte dalle autorita’ locali. “Liberarle? Ma di cosa state parlando? Questi animali sono di mia proprieta’, la loro liberazione potra’ avvenire solo se verro’ privato del loro possesso”, ha tuonato Alexei Reshetov, direttore generale della compagnia Afalina, che possiede i mammiferi. Oggi il tribunale della citta’ di Sakhalin ha iniziato a considerare nel merito la causa intentata da parte di numerosi attivisti per i diritti degli animali che chiedevano che l’Agenzia Federale Russa per la Pesca, il Ministero dell’Agricoltura e il Servizio Federale per la Supervisione delle Risorse Naturali aiutassero a liberare i mammiferi. Il caso e’ finito nel radar del Cremlino, che lo sta seguendo da vicino, e che piu’ volte aveva assicurato dell’imminente rilascio degli animali.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti