CINA, A SHENZHEN MICROCHIP PER TUTTI I CANI

CINA, A SHENZHEN MICROCHIP PER TUTTI I CANI

21
CONDIVIDI

La citta’ meridionale cinese di Shenzhen provvedera’ a partire dalla seconda meta’ dell’anno a dotare di microchip tutti i cani per gestire meglio gli animali domestici. E’ quanto comunica l’ufficio municipale per l’Amministrazione della citta’ e il rispetto delle leggi. Feng Zengjun, vicedirettore dell’ufficio, ha spiegato che il microchip e’ grande quanto un chicco di riso e viene inserito sotto la pelle del cane in mezzo alle scapole. “Il chip puo’ spostarsi lungo il corpo del cane senza creargli nessun danno”. “Attraverso il chip, si possono recuperare tutte le informazioni basilari sul cane, in modo da facilitare l’identificazione di animali smarriti e la loro restituzione ai padroni. Puo’ anche aiutare a ricordare ai padroni di educare meglio i loro animali domestici”, aggiunge Feng. Shenzhen guardera’ poi all’esempio di Hong Kong per creare angoli per gli animali domestici in tutta la citta’ per permettere agli amanti dei cani di incontrarsi. Saranno anche implementate regole piu’ stringenti sulla gestione dei cani. “Tutti i cani devono essere tenuti al guinzaglio e gli escrementi devono essere immediatamente raccolti per evitare che sporchino”, continua Feng. “Arriveranno norme piu’ specifiche sulla lunghezza del guinzaglio e su come portare a spasso i cani. Chi infrange le regole sara’ messo sulla lista nera”. Shenzhen ha creato nel 2019 una serie di regolamentazioni per migliorare la gestione degli animali domestici. A maggio e’ stato introdotto un sistema elettronico che permette ai cittadini di richiedere online una certificazione che permette di possedere un cane. La citta’ vuole anche risolvere entro i prossimi tre anni il problema dei canirandagi attraverso programmi di castrazione e sterilizzazione.

Commenti

commenti