CANI IMPICCATI A BUDONI, LNDC DENUNCIA I PASTORI

CANI IMPICCATI A BUDONI, LNDC DENUNCIA I PASTORI

55
CONDIVIDI

Il team legale di Lndc Animal protection presentera’ una denuncia contro i due allevatori che a Budoni, in provincia di Nuoro, nei giorni scorsi hanno impiccato due cani, “colpevoli” di aver azzannato un loro agnello. Lo fa sapere in una nota la presidente dell’associazione, Piera Rosati, che chiede l’inasprimento delle pene per le uccisioni e i maltrattamenti contro gli animali: “Non c’e’ piu’ rispetto per la vita, i valori morali sono ormai inesistenti, si agisce con violenza, con estrema cattiveria- sottolinea Rosati-. L’essere umano sembra non sia piu’ in grado di provare pieta’. Quand’anche le due cucciole avessero davvero morso l’agnello dei due pastori, si trattava di cani che facevano i cani purtroppo”. Il problema, rincara, “e’ che questa gente si sente impunita perche’, secondo le attuali leggi, chi uccide un animale per crudelta’ e senza necessita’ rischia al massimo due anni di reclusione. Una pena che, in assenza di altri precedenti, si risolve sempre con un nulla di fatto. Si fanno da anni tanti proclami su un imminente inasprimento delle pene, anche da esponenti dell’attuale Governo, ma finora non e’ stato fatto ancora nulla di concreto affinche’ chi si macchia di questi reati riceva la punizione che merita”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti