CACCIA, PREAPERTURE TRA LE POLEMICHE

CACCIA, PREAPERTURE TRA LE POLEMICHE

261
CONDIVIDI
fotolia_26389329_xs.jpg

“Troppe aperture anticipate della caccia in tante regioni. Metteremo in atto qualsiasi azione legale e di pressione per respingere queste illecite e ingiustificabili carneficine di animaliselvatici, comprese denunce penali e alla Corte dei Conti”. Cosi’ in una nota il Wwf Italia alla vigilia della preapertura della caccia, domani, domenica 1/o settembre in una quindicina di regioni, in anticipo rispetto all’apertura ufficiale prevista la terza domenica di settembre. “Gli amministratori delle Regioni – afferma il Wwf – devono assumersi le proprie responsabilita’, politiche, legali ed economiche, dinanzi ai cittadini, all’Europa e alla natura. Ancora una volta la tutela della fauna selvatica, per un numero di regioni ancora troppo elevato, al centro e al sud, appare l’ultima delle preoccupazioni”. Contro le preaperture gli avvocati del Wwf, fa sapere l’associazione ambientalista “hanno avviato diversi ricorsi, due dei quali hanno gia’ avuto esito positivo: tra il 27 e il 28 agosto i Tribunali amministrativi di Abruzzo e Marche, con un decreto cautelare ‘urgente’ hanno bloccato le preaperture, ritenendo che nel bilanciamento dei diversi interessi, appare prevalente l’interesse pubblico generale alla conservazione della fauna selvatica per cui deve disporsi la sospensione interinale degli atti impugnati. Molti giorni di caccia in meno e migliaia e migliaia di animali salvati”, dice il Wwf sottolineando come sia “difficile stilare una classifica” perche’ “molte regioni pubblicano i calendari venatori sempre piu’ tardi, rispetto al 15 giugno data stabilita dalla legge 157/1992. Per esempio l’Abruzzo ha deliberato il 14 agosto e la Toscana che, addirittura, ha approvato la preapertura al 1/o settembre, il 27 agosto”.
Nei giorni 1, 4 e 5 settembre, in Sucilia, e’ stata autorizzata un’anticipazione eccezionale della stagione venatoria, che si aprira’ il prossimo 15 settembre. In questi tre giorni sara’ possibile esclusivamente la “Caccia da appostamento” e saranno cacciabili tre specie di uccelli: colombaccio, gazza e ghiandaia.

Commenti

commenti