TEST SU MACACHI, LAV: ISTANZA DI REVOCA AL MINISTRO SPERANZA

TEST SU MACACHI, LAV: ISTANZA DI REVOCA AL MINISTRO SPERANZA

52
CONDIVIDI

Settimane decisive per la campagna #Civediamoliberi, voluta dalla Lav per salvare 6 macachi coinvolti nell’esperimento del progetto LightUp dell’Università di Torino, autorizzato per indagare aspetti della capacità visiva e al termine del quale i primati saranno uccisi. Grazie a una mobilitazione alla quale hanno finora aderito più di 370.000 persone, Lav è riuscita a ottenere a fine luglio scorso gli atti del progetto, attivando un tavolo tecnico che riunisce giuristi, medici veterinari, etologi e psicologi. Gli esperti hanno esaminato il progetto di ricerca e hanno redatto l’istanza di revoca dell’autorizzazione concessa dal ministero della Salute, che la Lav “consegnerà al più presto” al neo ministro Roberto Speranza. “Le nostre argomentazioni a sostegno dell’istanza di revoca del progetto di ricerca sono di ordine giuridico, scientifico, etologico ed etico: abbiamo chiesto al ministro Speranza un incontro urgente, prima che la sperimentazione, che avrà conseguenze fatali sui macachi, abbia inizio – afferma Michela Kuan, biologa, responsabile Lav Area Ricerca Senza Animali – Ringraziamo le oltre 370.000 persone che hanno finora firmato la nostra petizione e ogni ulteriore firma in questi giorni decisivi sarà particolarmente importante per riuscire a fermare questa sperimentazione e salvare i 6 macachi. Il progetto, inoltre, impegna più di 2 milioni di euro di fondi pubblici per indagare su primati aspetti in realtà già noti, già indagati: siamo convinti che scienza ed etica possano lavorare per il bene comune, impiegando al meglio il denaro pubblico”.

Commenti

commenti