BRASILE, GATTO RANDAGIO DIVENTA “AVVOCATO” DEI DIRITTI DEGLI ANIMALI

BRASILE, GATTO RANDAGIO DIVENTA “AVVOCATO” DEI DIRITTI DEGLI ANIMALI

100
CONDIVIDI

Non è stato solo adottato ma anche “assunto” come avvocato ad honorem. Arriva dal Brasile la storia del micetto randagio Leon che, lo scorso febbraio, ha avuto l’occasione della vita. Come racconta Il Secolo XIX il felino si era rifugiato nel palazzo dell’ordine degli avvocati per fuggire alle abbondanti piogge che in quella stagione cadono nello stato di stato di Amapá, in Amazzonia. Ad alcuni, però, la sua presenza era decisamente sgradita. Molti infatti si lamentavano sostenendo che «un gatto randagio non può stare in un ufficio pubblico». Così il presidente dell’ordine ha deciso di “assumerlo”. Gli ha dato un tesserino identificativo e lo ha fatto diventare un “attivista” per i diritti degli animali. “Stiamo avviando un istituto per i diritti degli animali, e Leon sarà il presidente onorario”, hanno detto dall’ordine. “Sfortunatamente non possiamo ospitare altri animali nei nostri uffici, ma l’intento sarà quello di finanziare le Ong e gli enti animalisti locali, diventando un esempio per tutto il Brasile”.

(Foto dalla pagina Facebook di Auriney Brito)

Commenti

commenti