TERAPIE CON DELFINI A MESSINA, LAV: “ILLEGITTIMO E INCREDIBILE”

TERAPIE CON DELFINI A MESSINA, LAV: “ILLEGITTIMO E INCREDIBILE”

319
CONDIVIDI
duedelfini.png

L’annuncio fatto nei giorni scorsi a Messina sull’accordo tra assessorato regionale e ministero della Salute per l’apertura di un delfinario dove bambini con disabilità potranno avvalersi della cosiddetta “delfino-terapia” è, afferma la Lav sul sito, “incredibile”.
Infatti, spiega l’associazione, “è fuori dal tempo la costruzione di luoghi di detenzione a vita degli animali come sarebbe un delfinario (queste strutture negli ultimi anni sono state chiuse in larga parte per problemi economici o sequestri delle Procure per maltrattamenti agli animali). Inoltre, “l’utilizzo dei cetacei per presunte cure è contrario a quanto affermato dal Centro di Referenza nazionale del Ministero della Salute riguardo a questa pratica (inutile se non dannosa e con gravi problemi sanitari per i partecipanti poiché, peraltro, effettuata con animali selvatici)”. Infine, sottolinea ancora la Lav, “quanto prospettato a Messina è anche vietato dalle normative grazie alla bocciatura nel maggio scorso da parte del TAR del Lazio di un illegittimo Decreto con il quale gli allora Ministri dell’Ambiente e della Salute, Galletti e Lorenzin, nel dicembre 2017 avevano autorizzato il contatto con i delfini”.
“Insieme a ENPA – conclude l’associazione – annunciamo la presentazione di una interrogazione parlamentare anche per la presenza di una funzionaria del Ministero della Salute all’iniziativa di lancio del progetto, chiedendo inoltre di dirottare i fondi previsti per questa pratica verso altre forme davvero utili di sostegno ai bambini con gravi problemi e a forme di terapie che escludano l’utilizzo di animali reclusi e addestrati”.

Commenti

commenti