MALAWI, LOTTA AI BRACCONIERI: IL GOVERNO PUNTA SUI RANGER DONNA

MALAWI, LOTTA AI BRACCONIERI: IL GOVERNO PUNTA SUI RANGER DONNA

32
CONDIVIDI

I bracconieri sono una piaga e le autorità corrono ai ripari puntando su ranger donne. Come riporta Dire la professione, molto rischiosa, interessa anche al “gentil sesso” anche se ad oggi su 478 ranger, solo l’11 per cento sono donne, riferiscono fonti di stampa concordanti. Il governo di Lilongwe vuole risolvere il gap di genere, come ha assicurato Bright Kumchedwa, direttore del dipartimento per le Riserve naturali e la fauna: “In accordo con la nostra politica sulla parità di generen – ha detto il dirigente – intendiamo raggiungere lo stesso numero di ranger uomini e donne”. Il lavoro è faticoso e pericoloso: il personale è dotato di fucili d’assalto M-16, contro bracconieri pronti a tutto: solo nella riserva di Kasungu, la seconda per estensione, la popolazione di elefanti è scesa dai circa mille negli anni ’90 a una cinquantina di esemplari nel 2015. Oggi se ne contano 120. Gli scontri a fuoco con i cacciatori di frodo sono frequenti e l’attrezzatura che ogni guardiaparco deve trasportare pesa intorno ai 15 chilogrammi.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti