CAMPANIA, “PESCATORI” DI RIFIUTI

CAMPANIA, “PESCATORI” DI RIFIUTI

20
CONDIVIDI
rifiuti.jpg

Pescatori protagonisti in Campania della difesa dell’ambiente marino grazie al progetto ‘Remare’ finanziato dalla Regione grazie all’utilizzo dei fondi europei. In poco meno di quattro mesi, da agosto a novembre, i pescatori hanno raccolto quasi 19 tonnellate di rifiuti durante la loro quotidiana attivita’ di pesca. I dati sono stati resi noti a Piano di Sorrento. Il progetto ‘Remare’ e’ una grande rete che ha messo insieme parchi marini e pescatori. L’Area marina protetta Anp) di Punta Campanella ha coordinato tutte le attivita’. Tra i rifiuti finiti nelle reti dei pescatori campani, il primato spetta alla plastica, con il 64%. Poi vetro, 8% e attrezzi da pesca e legno, entrambi 4% circa. Il restante 20% e’ formato da materiale diverso: metalli, tessuti, abbigliamento e oggetti vari.

Commenti

commenti