OPERAZIONE CONTRO IL BRACCONAGGIO, ASSOCIAZIONI: VIETARE L’USO DI RICHIAMI VIVI

OPERAZIONE CONTRO IL BRACCONAGGIO, ASSOCIAZIONI: VIETARE L’USO DI RICHIAMI VIVI

80
CONDIVIDI

Le associazioni animaliste e ambientaliste del Trentino Enpa, Lac, Legambiente e Wwf esprimono soddisfazione e si complimentano con il Corpo forestale della provincia di Trento per la recente operazione contro il traffico illecito di avifauna. “Nel 2020 non è più giustificabile l’uccisione di questi piccoli uccellini: si può comprendere che un tempo la povera e magra dieta di montagna avesse bisogno di integrazioni proteiche anche minuscole, come può essere un passeraceo spiumato, ma oggi e’ solo espressione di crudeltà fine a se stessa, per un macabro e perverso compiacimento”, si legge in una nota congiunta. “Poiché è vietato sottrarre nidiacei selvatici dai nidi, ma non è vietato l’uso di uccelli come richiami – prosegue la nota – è chiaro che solo vietando questo tipo di Caccia, se ne stroncherebbe il traffico illegale. Per questo, chiediamo che sia urgentemente vietato l’uso di richiami vivi”.

(Testo associazioni, foto Lac)

Commenti

commenti