STRETTO DI MESSINA, NESSUNA TRACCIA DELLE ORCHE SOTTO MONITORAGGIO

STRETTO DI MESSINA, NESSUNA TRACCIA DELLE ORCHE SOTTO MONITORAGGIO

18
CONDIVIDI

Prosegue da sette giorni il monitoraggio delle orche nelle acque calabro-siciliane ma del gruppo non si trova più traccia: come riporta Agi citando l’associazione Marecamp che vigila le acque dello Stretto, i grossi mammiferi continuano a circolare con tanto di supposizioni sulle motivazioni del lungo viaggio che hanno intrapreso ma, la verità, è che senza nuovi avvistamenti in grado di fornire ulteriori informazioni sull’attività sottolinea l’associazione, la rotta e lo stato di salute di questi magnifici animali, nessuno può esattamente dire con certezza cosa stiano facendo. “Un evento eccezionale come quello delle orche nei pressi di Scilla – viene spiegato – richiede la massima attenzione da parte dell’intera comunità costiera che, con la giusta consapevolezza sulle probabili specie da avvistare in mare e sulle corrette azioni da seguire in loro presenza, può parzialmente sopperire a quella disarmante insufficienza di fondi, per Ong e attività di ricerca, che spesso non permette di compiere a dovere il monitoraggio delle popolazioni di balene e delfini regolari in Mediterraneo, ne’ tanto meno di quelle occasionali o accidentali”.

(Orca, foto di repertorio)

Commenti

commenti