SUD SARDEGNA, COLPO DI RIMBALZO DURANTE LA CACCIA: MUORE UN 32ENNE

SUD SARDEGNA, COLPO DI RIMBALZO DURANTE LA CACCIA: MUORE UN 32ENNE

7980
CONDIVIDI
caccia3.png

Morto dopo essere stato colpito da un colpo di rimbalzo partito dal fucile di un compagno, durante una battuta di caccia. Come riporta Ansa, vittima un 32 enne, Giuseppe Santandrea, raggiunto da un colpo che gli ha reciso di netto l’arteria femorale. Nonostante la tempestiva chiamata e l’arrivo del 118 per lui non c’è stato nulla da fare. L’episodio è avvenuto nelle campagne di Sant’Andrea Frius nel sud Sardegna.
E’ stato denunciato il cacciatore che ha sparato. Si tratta di un 62enne di Sant’Andrea Frius, nel sud Sardegna – stesso Comune di residenza della vittima – e’ accusato di omicidio colposo. L’uomo era uscito per una battuta di caccia al cinghiale insieme alla vittima e ad altre due persone. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Dolianova, che si stanno occupando del caso, il 62enne avrebbe visto un cinghiale e premuto il grilletto, ma il colpo di fucile avrebbe colpito un masso o il terreno, rimbalzando e centrando il 32enne alle gambe,
Per tutto il pomeriggio i militari dell’Arma hanno sentito gli amici della vittima per ricostruire la tragedia. Sequestrati quattro fucili, tra questi anche l’arma da cui e’ partito il colpo mortale. Domani o martedì sarà eseguita l’autopsia. Gli esami serviranno a chiarire tutta la vicenda.
Santandrea lascia la moglie e due figli. Quello di oggi è il secondo incidente di caccia mortale avvenuto in Sardegna dall’inizio dell’anno. Il 5 gennaio scorso ad Aggius in Gallura, aveva perso la vita Andrea Altea, 43 anni, assessore al Turismo del piccolo Comune gallurese, colpito accidentalmente durante una battuta di caccia al cinghiale.

Commenti

commenti