BOLZANO, PRELIEVO DEL DNA PER INDIVIDUARE LE DEIEZIONI CANINE

BOLZANO, PRELIEVO DEL DNA PER INDIVIDUARE LE DEIEZIONI CANINE

247
CONDIVIDI

“Individuare i responsabili delle deiezioni canine attraverso il dna”. A spingere in questa direzione l’assessorato all’Ambiente del Comune di Bolzano che – una una nota – ha precisato che “i primi a chiederlo sono i proprietari corretti, che sono la maggioranza e che non gradiscono essere accomunati con i pochi maleducati”. In collaborazione col veterinario provinciale, prosegue la nota, “ora la legge è pronta, manca solo la regolamentazione di dettaglio con costi e tempistica definitivi”. Ai proprietari verrà imposto di sottoporre fido a un prelievo del pelo o della saliva per creare una mappa genetica. “Quando tutti i cani saranno censiti – annuncia il comune di Bolzano – partiranno i controlli sul territorio delle eventuali deiezioni abbandonate con l’auspicio che ciò possa avvenire con l’avvio del prossimo anno”. I controlli saranno a carico del Comune, che li porterà a compimento con le proprie guardie ecologiche, senza la necessità di cogliere sul fatto il trasgressore, visto che il dna potrà essere individuato anche successivamente. “La sanzione, che al momento è di 100 euro, coprirà ampiamente il costo delle analisi, ma potrà anche essere aumentata. Molto probabilmente avremo una città più pulita”, conclude la nota.

Commenti

commenti