CORONAVIRUS, I VETERINARI: “NESSUNA PROVA SCIENTIFICA SULL’ORDINE ANIMALE”

CORONAVIRUS, I VETERINARI: “NESSUNA PROVA SCIENTIFICA SULL’ORDINE ANIMALE”

51
CONDIVIDI
vet.jpg

“Attualmente, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano che un animale specifico sia la fonte dell’infezione ma sono in corso studi per approfondire la questione”. Lo si legge – come riporta 9 Colonne – nel documento consultivo della World Small Animal Veterinary Association (Wsava). “I coronavirus appartengono alla famiglia dei Coronaviridae. Gli alfa e beta-coronavirus di solito infettano i mammiferi, mentre i coronavirus gamma e delta di solito infettano gli uccelli ed i pesci. Il coronavirus canino che può causare lieve diarrea nel cane ed il coronavirus felino, che può causare la Peritonite Infettiva Felina (FIP) nel gatto, sono entrambi alfa-coronavirus. Fino alla comparsa di nCoV-2019, che appartiene ai betacoronavirus, c’erano solo sei coronavirus noti in grado di infettare l’uomo e causare malattie respiratorie, inclusi il coronavirus della Sindrome Respiratoria Acuta Grave SARS-CoV (identificata nel 2002/2003) ed il coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale MERS-CoV (identificata nel 2012). Il virus nCoV-2019 è più geneticamente correlato alla SARS rispetto alla MERS, ma entrambi sono beta-coronavirus con la loro origine nei pipistrelli. Sebbene non sappiamo con certezza che questo virus si comporterà allo stesso modo della SARS e della MERS, possiamo usare le informazioni di entrambi questi coronavirus precedenti per avere delle indicazioni. Nelle ultime settimane sono stati fatti rapidi progressi nell’identificazione dell’eziologia virale, dell’isolamento del virus infettivo e nello sviluppo di strumenti diagnostici. Tuttavia, ci sono ancora importanti questioni che devono essere chiarite”.

Commenti

commenti