MILANO, ALLARME CORONAVIRUS NON RIDUCE LE POLVERI SOTTILI

MILANO, ALLARME CORONAVIRUS NON RIDUCE LE POLVERI SOTTILI

24
CONDIVIDI
inquinamento.jpg

La riduzione del traffico e il blocco di alcune attività commerciali per ridurre i contagi da Coronavirus non hanno fermato i livelli di Pm10 registrati ieri a Milano. Come riporta il bollettino dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente della Lombardia (Arpa) – citato da Askanews – le quattro centraline attive in città hanno infatti registrato tra i 64 (in Pascal) e i 75 (in Senato) microgrammi per metro cubo contro i 50 previsti come soglia massima. Particolato oltre la soglia consentita anche nella provincia del capoluogo lombardo, con 63 microgrammi a Pioltello-Limito, 59 a Cassano d’Adda, 65 a Turbigo e 86 a Magenta. Aria non particolarmente pulita anche a Monza Machiavelli e Meda (entrambe con 62), Como centro (56) e Erba (59), Varese Copelli (54) e a Merate nel Lecchese (62).

Commenti

commenti