ARTICO, CRESCONO LE ATTIVITÀ UMANE: GLI ORSI POLARI DIVENTANO CANNIBALI

ARTICO, CRESCONO LE ATTIVITÀ UMANE: GLI ORSI POLARI DIVENTANO CANNIBALI

127
CONDIVIDI
orsopolare.jpg

Cresce l’attività umana nell’Artico russo e gli orsi polari finiscono per diventare cannibali: il terribile allarme è stato lanciato dagli scienziati dell’Accademia russa delle Scienze, come riporta Interfax. Il cannibalismo – come riporta Agi – fa parte dei comportamenti naturali degli orsi polari ma è aumentato drasticamente negli ultimi anni a causa della riduzione delle loro zone di caccia: secondo Ilya Mordvintsev, ricercatore dell’Istituto Severtsov di Ecologia ed evoluzione presso l’Accademia. A suo dire, la crescita delle attività delle compagnie energetiche nella penisola di Yamal e nel Golfo di Ob ha contribuito al degrado delle zone di caccia degli orsi polari e distrutto le loro abitudini nutrizionali. “I segnali in questo senso non arrivano solo dagli scienziati, ma anche dai dipendenti delle compagnie petrolifere e dal ministero della Difesa”, ha spiegato il ricercatore. L’aumento delle temperature nell’Artico e lo scioglimento dei giacchi hanno anche costretto gli orsi a spingersi verso Sud alla ricerca di cibo, anche arrivando ai centri abitati. I video degli animali che rovistano tra la spazzatura delle città siberiane hanno fatto il giro del mondo, l’anno scorso.

Commenti

commenti