I RICERCATORI: ANIMALI DA COMPAGNIA GIÀ DUEMILA ANNI FA

I RICERCATORI: ANIMALI DA COMPAGNIA GIÀ DUEMILA ANNI FA

20
CONDIVIDI

Secondo alcuni si tratta di una “moda” recente ma gli studi scientifici dimostrano che l’abitudine ad avere animali da compagnia potrebbe risalire a oltre duemila anni fa. A testimoniarlo – come riporta Agi – dei ritrovamenti in un sito archeologico nel Sud della Spagna, dove i resti di un piccolo cane, originario di un luogo distante migliaia di chilometri, sono stati rinvenuti dagli archeologi dell’Università di Granada, che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista Archaeological and Anthropological Sciences. “I primi cani domestici erano più simili ai lupi e potrebbero essere stati utilizzati come aiuto durante la caccia. Ma con l’Impero romano le cose cambiarono e divenne comune allevare cani di ogni forma, razza e dimensione, compresi piccoli esemplari simili ai moderni Pomerania”, spiega Rafael Martinez Sanchez, ricercatore presso l’Università di Granada. “Plinio il Vecchio ad esempio scrisse che questi cani avevano effetti positivi e venivano usati anche per aiutare le donne ad alleviare i dolori mestruali. Forse il naturalista romano intendeva riportare l’effetto rilassante di un cucciolo sulla pancia”, prosegue il ricercatore.

(Cane in un mosaico dell’Antica Roma. Foto di repertorio)

Commenti

commenti