CLIMA, IN EUROPA L’INVERNO PIU’ CALDO DI SEMPRE: + 3,4 GRADI

CLIMA, IN EUROPA L’INVERNO PIU’ CALDO DI SEMPRE: + 3,4 GRADI

93
CONDIVIDI

Il vertice sul clima di Glasgow, il Cop 26, viene rinviato per l’emergenza coronavirus, proprio il mentre arriva la notizia che l’inverno appena trascorso e’ stato il piu’ caldo di sempre in Europa. Con una media di 3,4 gradi in piu’ rispetto al periodo di riferimento 1981-2010, infatti, la passata stagione supera il primato che spettava all’inverno 2015-2016. “La lotta ai cambiamenti climatici non si ferma”, afferma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa confermando che anche gli eventi italiani, previsti in autunno sono rinviati a data da destinarsi essendo la situazione “in evoluzione”. “Vogliamo tenere alta l’ambizione – aggiunge – e far si’ che ai tavoli negoziali partecipi il maggior numero di Paesi”. Anche per il Wwf, pur restando al primo posto la salute e la vita, “l’azione per il clima e’ e rimane una priorita'”. “Dobbiamo concentrarci – spiega Manuel Pulgar-Vidal, leader Clima ed Energia del Wwf Internazionale – sulla creazione di nuove opportunita’ di lavoro a basse emissioni di carbonio e sull’aumento della resilienza economica ed ecologica delle nostre societa'”. A Pulgar-Vidal fa eco Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del Wwf Italia, che pur parlando di rinvio della Cop “necessario”, sostiene che “bisogna usare al meglio l’ulteriore tempo a disposizione, imparando che occorre prevenire ed evitare le emergenze, oltre che essere attrezzati per affrontarle”. “Il posticipo non rallenti i lavori per affrontare i cambiamenti climatici, afferma il presidente della Commissione Ambiente dell’Europarlamento Pascal Canfin. “Dobbiamo finalizzare la legge dell’Ue sul clima – spiega – con un obiettivo di riduzione aggiornato del 55% al 2030 a tempo debito e continuare ad affrontare i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversita’ con i nostri partner internazionali”. Che la lotta ai cambiamenti climatici sia una priorita’ sono i dati che arrivano, giorno dopo giorno, sulle temperature record del Pianeta. Gli ultimi, come detto, riguardano l’Europa. “Le temperature sono risultate sopra la media su quasi tutto il Vecchio Continente – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara – a tratti sotto media solamente su Isole Britanniche, Francia atlantica e Penisola Iberica. Questo a causa di un forte vortice polare sul Polo Nord, che ha alimentato frequenti tempeste atlantiche sul Nord Europa, esponendo inoltre il comparto europeo centro-meridionale a venti spesso molto miti. Questi venti hanno invaso con frequenza anche zone solitamente esposte ai venti artici o siberiani, come Russia e Scandinavia, dove di fatto si sono evidenziate le anomalie termiche piu’ pesanti”.

Commenti

commenti