CORONAVIRUS, SCIENZIATO: SERVE PATTO GLOBALE SULLA NATURA

CORONAVIRUS, SCIENZIATO: SERVE PATTO GLOBALE SULLA NATURA

30
CONDIVIDI

Con lo stop forzato per la Pandemia da Covid-19, “è anche il tempo per progettare una strategia per il futuro del Pianeta, e ancora più per l’Italia in termini di sicurezza alimentare, clima, ambiente e salute, digitalizzazione e nuova forma di società, capitalizzando cosi’ questo momento epocale”. A dirlo – come riporta Ansa – Riccardo Valentini, autore italiano del Rapporto Speciale su cambiamenti climatici e territorio del comitato scientifico dell’Onu sul clima (Ipcc). “A breve termine ovviamente il lavoro e’ quello di raccogliere i dati per capire quando si potrà riaprire e quindi avere un campione del numero di contagiati tale da poter ottenere un quadro certo in questi termini. Non è il mio settore specifico e lascio la parola agli esperti, tuttavia – dice Valentini – e’ necessario un grande sforzo multi-disciplinare per capire come uscire da questa crisi, tenendo conto sia dei fattori scientifici ma anche risolvendo barriere culturali, socio-economiche, istituzionali e legislative”. “Serve una governance globale in grado di progettare il futuro dell’umanita'”. E, sottolinea, “non è presto per farlo. Anzi ora è il momento di pianificare una serie di azioni a partire dal lavoro sulla natura”. “Il virus – sottolinea con forza lo scienziato italiano, ordinario di ecologia all’Università degli studi della Tuscia – nasce proprio dalla natura che abbiamo intaccato e dal rapporto distorto tra uomo-natura e da una natura che stiamo distruggendo”. “Questa Pandemia – sottolinea Valentini – ci ha fatto scoprire più fragili e ci sta dicendo quanto male abbiamo fatto agli ecosistemi. La società umana sta attraversando una crisi senza precedenti. Abbiamo superato i limiti e il coronavirus ci impone, ora, di rivedere tutti gli schemi su cui abbiamo vissuto finora. Siamo in una situazione complicata per il Pianeta: questo virus viene dai pipistrelli, entra in un organismo ospite, sembra del pangolino, nel passato anche da animali di allevamento. Nelle regioni che sono il serbatoio naturale dei virus, come nel Sud Est asiatico, la distruzione degli habitat naturali delle specie selvatiche le ha portate a contatto con i sistemi agricoli e da qui all’Uomo. Anche le nostre scelte alimentari e la nostra dieta sono responsabili delle epidemie. E non parlo dell’Italia dove vige il massimo livello di sicurezza alimentare ma di altri Paesi del mondo”. Da qui, e’ l’appello di Valentini, “la necessità di avere regole globali sulla sicurezza alimentare anche per non penalizzare chi, anche in Italia, oggi produce cibo in modo sostenibile rispettando la Natura”

Commenti

commenti