COVID-19, A RISCHIO DENUTRIZIONE GLI ANIMALI DEL “SAFARI PARK” DI POMBIA (NO)

COVID-19, A RISCHIO DENUTRIZIONE GLI ANIMALI DEL “SAFARI PARK” DI POMBIA (NO)

429
CONDIVIDI
leone.jpg

Ha moltissimi animali selvatici su un territorio di oltre 400mila metri quadrati sulle colline fra il Ticino e il Lago Maggiore. Animali che ora soffrono la fame per la crisi delle finanze derivante dalla chiusura al pubblico, per l’epidemia di coronavirus. Come riporta Agi è questo il rischio corso dagli animali del “Safari Park”, di Pombia (Novara) fondato nel 1976, e poi rinnovato e rilanciato nel 1999. Titolare del parco Orfeo Triberti, discendente di una storica famiglia circense: un mese fa era stato proprio lui a lanciare un appello. L’assenza di ricavi stava già allora mettendo a rischio la continuità degli approvvigionamenti di cibo. Come riporta il sito nel parco ci sono più di 400 animali fra cui pesci, anfibi, insetti, rettili, erbivori e grandi carnivori come tigri e leoni.

(Leone in una foto di repertorio)

Commenti

commenti