DOPING AL PALIO DI ASTI, IL PM RICORRE IN APPELLO

DOPING AL PALIO DI ASTI, IL PM RICORRE IN APPELLO

112
CONDIVIDI

Il pm della procura di Asti Laura Deodato ha fatto ricorso alla Corte d’Appello di Torino per la sentenza di primo grado con cui il tribunale di Asti aveva assolto, a dicembre scorso, i 19 imputati – tra fantini e proprietari di animali – per i presunti casi di doping al Palio di Asti del 2014. Lo rendono noto alcuni legali della difesa. “Si poteva immaginare che il pm avrebbe valutato il ricorso – sostiene l’avvocato Marco Scassa – e sono convinto che la sentenza sia assolutamente ben motivata e abbia colto in pieno le nostre valutazioni fin dal primo giorno. Mi auguro – aggiunge – che venga confermata la linea gia’ seguita in primo grado”. “La sentenza di primo grado era inattaccabile” afferma il legale Alberto Avidano. “Abbiamo fiducia che l’Appello confermi il percorso logico della sentenza di primo grado” dice il legale Alessio Invernizzi. “Affronteremo l’Appello con fiducia”. “Ci sono una montagna di motivi che giustificano l’assoluzione – conclude il legale Alberto Pasta – e il giudice, nelle motivazioni alla sentenza di primo grado, aveva fatto emergere i piu’ evidenti”.

Commenti

commenti