UE, PROGETTO PER LA DIFESA DELLA TROTA MEDITERRANEA

UE, PROGETTO PER LA DIFESA DELLA TROTA MEDITERRANEA

23
CONDIVIDI

Quello delle acque interne italiane è un sistema molto ricco di biodiversità, con 53 specie autoctone, di cui almeno 23 endemiche o sub-endemiche (cioè tipiche del territorio): una ricchezza che corre però il rischio di sparire velocemente. Come riporta 9Colonne secondo la Lista Rossa dei vertebrati italiani, infatti, i pesci ossei e le lamprede delle acque interne rappresentano la categoria a maggior rischio di estinzione, con il 52% dei pesci nelle 4 categorie di rischio di estinzione più elevate. Due specie di storioni risultano già estinte (Storione comune Acipensersturio e Storione ladanoHusohuso) e ben 11 specie sono a livello di rischio critico. A minacciare questi animali sono almeno 60 specie “aliene” stabilmente adattate ai nostri ecosistemi e altre 24 che, pur non essendo in grado di riprodursi nelle nostre acque, rappresentano comunque una minaccia. Altre minacce arrivano dalle trasformazioni e artificializzazioni dei corsi d’acqua, dall’inquinamento chimico e organico, dagli effetti dei cambiamenti climatici e dal fenomeno del bracconaggio. Tra le specie maggiormente minacciate, la TROTA mediterranea (Salmo cettii) – estinta in molti fiumi italiani e sostituita dall’alloctonatrota atlantica (Salmo trutta) o dai suoi ibridi – oggetto del nuovo progetto europeo LIFE Streams che ha come obiettivo principale il recupero e la conservazione di questo salmonide endemico dell’area mediterranea protetto dalla direttiva Habitat in quanto “specie vulnerabile” in Europa e “a rischio critico di estinzione” nel territorio italiano. Oltre alle due specie di storioni già estinte, altre specie migratrici sono a fortissimo di rischio, come ad esempio il terzo storione presente in Italia (Acipensernaccarii), le lamprede (lampreda di mare Petromizonmarinus e lampreda di fiume Lampetrafluviatilis), la cheppia (Alosa fallax) e l’anguilla (Anguilla anguilla). Lungo l’Appennino solo il 3% circa delle popolazioni di trota mediterranea analizzate non ha mostrato tracce di introgressione genetica.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti