TAR LAZIO, VINCONO I RICERCATORI: SÌ AGLI ESPERIMENTI SUI MACACHI

TAR LAZIO, VINCONO I RICERCATORI: SÌ AGLI ESPERIMENTI SUI MACACHI

1029
CONDIVIDI
macaco.jpg

Nel merito, l’hanno spuntata i ricercatori. Per il Tar del Lazio gli esperimenti sul cervello dei macachi, previsti dal Progetto Light-Up delle Università di Torino e Parma, possono riprendere, dopo lo stop di quattro mesi conseguente alla sospensione disposta lo scorso gennaio dal Consiglio di Stato su ricorso della Lav.

“Si tratta di una battuta d’arresto che certo non ferma la nostra battaglia che sapevamo essere lunga e molto difficile – afferma la Lav – ricorreremo al Consiglio di Stato, che speriamo si pronunci al più presto, accogliendo le nostre fondate ragioni giuridiche e scientifiche, come già evidenziato quando abbiamo ottenuto la sospensione del progetto”.

Lo studio, fortemente contestato, ha lo scopo di trovare meccanismi neurali e trattamenti per il recupero visivo in persone con lesioni cerebrali. Il Tar ha riconosciuto valida la pratica di procurare lesioni ai macachi, approvata anche dall’European research council.

Sono più di 432 mila i cittadini quelli che hanno già firmato la petizione #civediamoliberi https://www.lav.it/campagne/ci-vediamo-liberi che chiede al Ministro della Salute Speranza la revoca dell’autorizzazione al progetto.

Commenti

commenti