CIRIÉ (TO), RAGAZZO UCCIDE UN RICCIO E POSTA VIDEO SUI SOCIAL. DENUNCIATO

CIRIÉ (TO), RAGAZZO UCCIDE UN RICCIO E POSTA VIDEO SUI SOCIAL. DENUNCIATO

579
CONDIVIDI
ricciotremilla.jpg

Ancora violenza nei confronti degli animali, ancora una volta diffusa tramite i social network. Un ragazzino di 14 anni è stato filmato dai suoi amici mentre prendeva a calci un povero riccio fino a ucciderlo e il video è stato poi pubblicato su Facebook e Instagram per vantarsi della “bravata”. Le riprese però, insieme a quelle delle telecamere di sorveglianza presenti in zona, hanno permesso ai Carabinieri di identificare il giovane che è stato denunciato per uccisione di animali ai sensi dell’art. 544-bis del Codice Penale.

“La crudeltà sugli animali è sempre una cosa terribile, ma quando avviene ad opera di ragazzi così giovani è davvero un campanello di allarme pericolosissimo”, afferma Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection. “Numerosissimi studi internazionali dimostrano che questo genere di comportamenti in giovane età sono propedeutici a una escalation di violenza che, in seguito, andrà a colpire anche le persone oltre che gli animali. Il nostro ufficio legale è al lavoro per unirsi alla denuncia già sporta contro il ragazzo.”

“Notizie come questa, che non sono purtroppo un caso isolato, mi lasciano un profondo senso di amarezza. Vorrei parlare con i genitori di questi ragazzi per chiedere loro che tipo di educazione pensano di aver dato ai loro figli. Come è possibile che un ragazzino di 14 anni trovi divertente uccidere a calci un essere vivente indifeso? Quali valori gli sono stati trasmessi dalla famiglia, visto che il rispetto per la vita non è chiaramente tra questi?”, continua Rosati.

“Da sempre chiediamo pene più severe per i reati contro gli animali ma è ovvio che questo non basta. Serve un cambiamento culturale nella direzione del rispetto per tutti gli esseri viventi, a partire dalle nuove generazioni. La nostra petizione, infatti, chiede tra le altre cose l’introduzione in tutte le scuole di percorsi formativi sul rispetto e la difesa degli animali, in modo da sensibilizzare i più giovani affinché riportino in famiglia quanto hanno imparato, visto che troppo spesso questi argomenti non vengono trattati nelle case in maniera adeguata”, conclude Rosati.

(Testo Lndc, foto di repertorio)

Commenti

commenti