CANE PICCHIATO E SEPOLTO A MESSINA, ENPA: PARTE CIVILE AL PROCESSO

CANE PICCHIATO E SEPOLTO A MESSINA, ENPA: PARTE CIVILE AL PROCESSO

451
CONDIVIDI
poveretto.jpg

Sotterrato vivo dopo essere stato picchiato. Un cane a Torrenova, in provincia di Messina, è stato salvato grazie all’intervento dei passanti che hanno sentito dei latrati e lo hanno soccorso. Il responsabile, un uomo di 85 anni è stato individuato e denunciato. La Presidente nazionale dell’Ente Nazionale Protezione Animali, Carla Rocchi, ha scritto al Sindaco di Torrenova,  Salvatore Castrovinci, che ha denunciato i fatti alle autorità competenti per ringraziarlo “per la sua decisione immediata di individuare e perseguire, attraverso i mezzi a sua disposizione, l’autore di una azione tanto crudele”. L’Enpa si costituirà parte civile ed è pronta ad affiancare il Comune di Torrenova sia a livello comunicativo che legale in questa battaglia.

“Voglio rivolgere un grande e sentito ringraziamento – afferma Carla Rocchi – a tutti quei volontari che con coraggio e senso di responsabilità sono intervenuti in soccorso del cane, salvandogli la vita. La comunità di Torrenova si è dimostrata sensibile e pronta ad intervenire. Non ci sono parole abbastanza forti per esprimere il disprezzo e l’orrore per l’azione che quest’uomo di 85 anni avrebbe compiuto nei confronti del povero cane. Di sicuro la nostra Associazione andrà fino in fondo e si costituirà parte civile per avere giustizia nei confronti di questo essere indifeso, ennesima vittima della malvagità umana”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti