“PER GLI ANIMALI NULLA”: ASSOCIAZIONI IN PIAZZA A ROMA

“PER GLI ANIMALI NULLA”: ASSOCIAZIONI IN PIAZZA A ROMA

415
CONDIVIDI

“Le persone valgono quanto vale la loro parola. Questa sindaca aveva dato la sua parola a sostegno e tutela degli animali. Non ha rispettato neanche una virgola. Ci aspettiamo che prenda provvedimenti o tragga le sue conseguenze”. Queste le parole di Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa intervenendo oggi in Piazza del Campidoglio in occasione della manifestazione a Roma per dare voce agli animali della Capitale, organizzata insieme ad Animalisti Italiani, Amiconiglio Onlus, Avcpp, Enpa, Lav, Leidaa, Oipa, Ava, Confido nel Cuore, Comitato Animalista Monteverde e le Iene Vegane.“La Raggi non ha voluto metterci la faccia – afferma Maurilia Amoroso responsabile randagismo dell’Enpa di Roma – oggi avrebbe potuto riscattarsi e scendere a confrontarsi con noi come ha fatto il presidente della Commissione Benessere Animali Daniele Diaco, o come ha fatto un altro esponente del Pd. Invece non ha preso una posizione e ha perso anche questa possibilità di confronto. Noi però non ci fermiamo e andiamo avanti con le nostre battaglie. La situazione romana è problematica, soprattutto per quel che riguarda il randagismo. Enpa e le altre associazioni si stanno sostituendo alle istituzioni ma questo non può continuare”.  
Sotto gli occhi di tutti c’è la mancata abolizione delle botticelle, che in tutti questi anni, nonostante i proclami, continuano a girare indisturbate per le strade della città: clamoroso inadempimento della più urlata delle promesse elettorali animaliste dei 5s. Dell’elenco di contestazioni fanno parte a pieno titolo lo scarso impegno a tutela dei cani e dei gatti ospitati nelle strutture comunali e convenzionate, il via libera all’attendamento dei circhi con animali senza neanche tentare di porre dei limiti, l’abbandono in cui versano le colonie feline, l’incuria per gli animali sul territorio e nei campi nomadi, la mancata trasformazione del Bioparco, in buona parte finanziato dal Comune, in centro di recupero per animali, la firma con la Regione Lazio del protocollo contro i cinghiali, il clima di tensione con le associazioni. “Proprio un bilancio lusinghiero – commenta Cristina Valeri di LEIDAA Roma – per chi si era presentato agli elettori sotto la bandiera del “cambiamento”. Praticamente non è cambiato nulla se non in peggio. E non è stato un caso. Basti considerare l’annosa questione delle botticelle: anche in Parlamento la maggioranza giallorossa continua a tenere nei cassetti la riforma del codice stradale con l’emendamento, proposto dall’on. Michela Vittoria Brambilla, che toglierebbe le carrozze a trazione animale dalle strade di tutte le città italiane”.

Commenti

commenti