PASTURS, RIPARTE PROGETTO PER CONVIVENZA PASTORI-GRANDI PREDATORI

PASTURS, RIPARTE PROGETTO PER CONVIVENZA PASTORI-GRANDI PREDATORI

16
CONDIVIDI
lupocecoslovaccomargoczw.jpg

Pasturs, il progetto pensato per rendere possibile la convivenza fra i grandi predatori (Orso e Lupo) e le attività zootecniche sulle Orobie bergamasche, riparte in sicurezza adeguandosi alle nuove norme imposte dal Covid-19. Nei mesi di luglio e agosto, 30 volontari selezionati e adeguatamente formati si trasferiscono in 10 alpeggi per affiancare i pastori nelle loro attività quotidiane di gestione e protezione delle greggi. Ad un’efficace convivenza fra i grandi predatori e le attività umane lavora da anni la Cooperativa Eliante Onlus che realizza proprio sulle Orobie il progetto Pasturs, insieme a Coldiretti Bergamo, Parco delle Orobie Bergamasche, Wwf Onlus e con la collaborazione di Regione Lombardia nell’ambito dei progetti Life ‘Natura che Vale’ e Life EuroLargeCarnivores. Il progetto Pasturs giunge nel 2020 alla sua quinta edizione. “Obiettivo di Pasturs è ridurre le difficoltà per le attività zootecniche locali derivanti dalle possibili incursioni dei grandi predatori promuovendo la coesistenza fra questi e l’uomo – spiega Mauro Belardi, presidente della Cooperativa Eliante Onlus che gestisce operativamente il progetto – Un’attività che parte dall’ascolto dei soggetti interessati, i pastori principalmente, e propone soluzioni costruite insieme alle persone coinvolte e non calate dall’alto.

Commenti

commenti