AVORIO, OPERAZIONE “GOLDEN TUSKS”: 200 CONTROLLI, 460 PEZZI SEQUESTRATI

AVORIO, OPERAZIONE “GOLDEN TUSKS”: 200 CONTROLLI, 460 PEZZI SEQUESTRATI

175
CONDIVIDI

L’Unione Europea sta ponendo una grande attenzione al tema del commercio dell’avorio, valutando l’opportunità di adottare delle politiche che vanno nella direzione della forte limitazione delle transazioni per le finalità commerciali attualmente autorizzate. Al riguardo, la campagna italiana Golden Tusks rappresenta senza dubbio un modello di riferimento per gli altri paesi europei impegnati nel contrasto ai reati commessi in danno alle specie protette dalla Convenzione CITES, da altri Trattati e Direttive europee. Lo sottolineano i comandi dei Nuclei Carabinieri CITES e Tutela Patrimonio Culturale che tra gennaio e giugno 2020, i hanno coordinato un’importante serie di controlli (denominata appunto “Operazione Golden Tusks”), su antiquari, case d’asta, gioiellerie, siti web e telemarketing, per contrastare il commercio illegale di oggetti in avorio.
L’avorio, oltre ad essere elemento costitutivo di opere d’arte che possono arrivare a costare anche decine di migliaia di euro, è sottoposto alla tutela della CITES, la Convenzione di Washington che disciplina il commercio internazionale di specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione la cui messa in vendita senza la prescritta documentazione CITES configura un’ipotesi di reato.
In linea generale il commercio dell’avorio è vietato dall’ordinamento nazionale e internazionale per fattispecie rigorosamente definite dalla normativa vigente (Reg. CE 338/97, Reg CE 865/06 e Legge 150/92), riguardanti in particolare gli oggetti acquisiti prima dell’entrata in vigore della Convenzione CITES e delle successive norme di settore.
L’attività operativa si è svolta su tutto il territorio nazionale, sono stati effettuati quasi 200 controlli (che hanno interessato le principali case d’asta ed antiquari), sequestrati 460 pezzi (tra cui zanne, statuette, crocifissi, posate e gioielli), per un valore stimato di circa € 400.000.
La collaborazione tra i Carabinieri del Raggruppamento CITES e del Comando Tutela Patrimonio Culturale ha consentito di mettere a fattor comune conoscenze e professionalità diverse, quali quelle sul contrasto al commercio su flora e fauna in via di estinzione e quelle che regolano il commercio di opere d’arte.
Leidaa, Green impact e Eliante si congratulano con i Nuclei Carabinieri CITES e Tutela Patrimonio Culturale per l’importante lavoro investigativo svolto, auspicando che il govreno italiano e l’Unione europea intensifichino l’impegno per arrivare alla chiusura sostanzialmente completa del mercato dell’avorio. (immagine di repertorio)

Commenti

commenti