PARTE GOLETTA VERDE: AUMENTANO GLI ECOREATI IN MARE E SULLE COSTE

PARTE GOLETTA VERDE: AUMENTANO GLI ECOREATI IN MARE E SULLE COSTE

22
CONDIVIDI
mare.jpg

Mare e coste italiane oggetto di sempre piu’ reati ambientali, aumentati nel 2019 di ben il 15,6% rispetto all’anno precedente. Colate di cemento illegale e consumo di suolo costiero che cancellano dune e inghiottono metri di sabbia, cattiva – e in molti casi assente – depurazione delle acque, pesca di frodo incontrollata: sono stati 23.623 gli ecoreati contestati l’anno scorso, con oltre la meta’ delle infrazioni contestate da Capitanerie di Porto e Forze dell’Ordine (il 52,3%) concentrate tra Campania, Puglia, Sicilia e Calabria. Sono invece 6.486 i sequestri effettuati (con un incremento dell’11,2%), per un valore economico che ammonta a circa 520 milioni di euro. E’ quanto emerge da Mare Monstrum 2020, il dossier redatto dall’Osservatorio nazionale Ambiente e legalita’ di Legambiente, secondo cui anche dopo la fine del lockdown le attivita’ ecocriminali pare abbiano ripreso a pieno ritmo. Quest’assalto all’ambiente – contro cui sono pronte a salpare Goletta Verde e Goletta dei Laghi, che con le restrizioni del Covid si affideranno maggiormente ai volontari e la prima non seguira’ il tradizionale coast to coast – vede in testa ai reati del ciclo del cemento (42,5% del totale dei reati) la Campania, seguita da Puglia, Lazio, Calabria e Sicilia. Dalla Costiera amalfitana alla Scala dei Turchi, dal Salento al litorale calabrese con Isola di Capo Rizzuto, fino alle isole minori come Lampedusa, Capri, le Eolie, le perle del Mare Nostrum sono costantemente preda degli appetiti degli abusivi, afferma Legambiente. Seconda voce con il maggior peso nel dossier, il mare inquinato, correlato al problema cronico della depurazione. Nel complesso, l’inquinamento da cattiva depurazione, scarichi fognari e idrocarburi ha registrato 7.813 infrazioni nel 2019, il 33,1% delle illegalita’ accertate a danno del mare. C’e’ poi il capitolo pesca illegale che rappresenta il 22% delle infrazioni accertate, con 555mila chili di pescato, 69mila metri di reti killer e oltre 7.500 attrezzi da pesca sequestrati: in testa la Sicilia, seguita da Campania, Puglia, Liguria, Sardegna. Abusivismo edilizio, cattiva depurazione, beach litter e usa e getta, spiagge ed erosione costiera, biodiversita’ e aree protette, lotta contro le fonti fossili i grandi temi al centro di questa 34esima edizione di Goletta Verde che prende il via in tutte e 15 le regioni costiere italiane, assieme a Goletta dei Laghi. Nel 2019 oltre un punto ogni tre di quelli campionati risulto’ inquinato, sia lungo le coste sia nei laghi.

Commenti

commenti