RAEE, SONDAGGIO: MAGGIORANZA EUROPEI SA COME SMALTIRLE

RAEE, SONDAGGIO: MAGGIORANZA EUROPEI SA COME SMALTIRLE

13
CONDIVIDI

Lampadine, impianti di illuminazione ed altri elettrodomestici: sono dispositivi indispensabili per la vita quotidiana che, finito il loro (spesso breve) ciclo di vita, devono essere smaltiti e riciclati al meglio per non inquinare. Per fortuna – come riporta Askanews – un’alta percentuale di cittadini di Austria, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna sa dove gettarli e considera la raccolta differenziata dei RAEE un elemento primario per la protezione del nostro ambiente. La ricerca è stata condotta GfK Italia (su un target di 1000 tra uomini e donne, in un’età compresa tra i 16 e 70 anni, per ciascun Paese, tra il 13 e il 27 gennaio 2020) e commissionata dai membri di EucoLight, l’associazione europea dei sistemi di conformità per i RAEE di illuminazione, di cui il consorzio italiano Ecolamp è socio fondatore. Dai dati riferiti allo smaltimento e al riciclo delle lampadine,- informa Ecolamp – emerge che tra il 62% e l’88% degli intervistati identifica correttamente il giusto luogo di smaltimento; tra il 61% e il 75% usa le isole ecologiche per riciclare le lampadine esauste. Con una maggiore incidenza in Italia e in Austria, dove oltre il 30% ricorre regolarmente ai centri di raccolta comunali per smaltire questi rifiuti. I dati raccolti sugli apparecchi di illuminazione sono simili a quelli per le lampadine. I risultati suggeriscono, inoltre, la necessità di intensificare l’attività di informazione e comunicazione per raggiungere quella parte della popolazione, in Italia il 22% del campione, che non è ancora consapevole della necessità di separare lampadine e gli altri RAEE dai rifiuti generici. I cittadini intervistati considerano gli orari di apertura e la distanza dei luoghi di smaltimento per i RAEE in media adeguati. Ma tra il 40% e il 57% riferisce una mancanza di informazioni disponibili presso i punti vendita che dovrebbero operare la raccolta e, tra il 24% e il 42% (a seconda del Paese di riferimento), dichiara che lo stesso personale dei negozi non è adeguatamente informato. Infine, un’ampia maggioranza in tutti e cinque i Paesi coinvolti nell’indagine (tra il 76% e l’84%) afferma che produttori, distributori, negozi e piattaforme di vendita online di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche dovrebbero informare sui servizi di raccolta e riciclo offerti.

Commenti

commenti