SICS: 400 CANI BAGNINO AL LAVORO SULLE SPIAGGE DI TUTTA ITALIA

SICS: 400 CANI BAGNINO AL LAVORO SULLE SPIAGGE DI TUTTA ITALIA

140
CONDIVIDI
canebagnino.jpg

Circa 400 cani bagnino sulle spiagge di tutta Italia: è questo l’esercito che la Scuole Italiana Cani Salvataggio ha messo in campo nonostante il lockdown, che ha imposto nuovi metodi di addestramento degli animali. Come riporta 9Colonne sono ben tre gli interventi avvenuti in pochi giorni: l’ultimo, ieri, sul litorale nord del Lazio, a Riva dei Tarquini. Un bambino di 6 anni che stava giocando con il suo canotto a circa 40 metri dalla spiaggia, è caduto dal gonfiabile trovandosi in forte difficoltà. Nonostante il mare fosse apparentemente calmo, il forte vento da terra ha allontanato il bimbo dal suo canotto e lo ha capovolto; immediatamente ma le unità cinofile Sics Panna e Tobia assegnate a quel tratto di spiaggia, in accordo con la direzione del vicino campeggio, si è lanciata in suo soccorso. Il canotto è, poi, stato recuperato molto a largo da un’imbarcazione di passaggio. Considerando l’Italia partendo da Nord e della costa Adriatica, gli eroi a 4zampe operano a Trieste (Friuli Venezia Giulia), a Caorle nel Veneto, località a nord est della Laguna di Venezia; in Emilia Romagna sono presenti a Cesenatico e Ravenna; le Marche e l’Abruzzo sono presidiate attraverso le postazioni di San Benedetto del Tronto, Ortona, Pescara e Silvi Marina, in Puglia la Sics è presente a Bari. Per quanto riguarda la costa tirrenica, la Sics è presente in Liguria, nelle località di Albissola e Voltri, alla periferia occidentale di Genova; in Toscana a Forte dei Marmi, Montignoso, Marina di Pisa. E poi nel Lazio, con le postazioni di Montalto di Castro, Ostia, Anzio, Nettuno e la “news entry” Sperlonga. Al Sud troviamo Palinuro in Campania, Soverato sul Mar Ionio, Palermo e Alcamo in Sicilia. Non solo mare: gli eroi a quattro zampe controllano anche le rive del Lago Maggiore, del Lago di Garda, del Lago d’Iseo e dell’Idroscalo di Milano. Nel corso della scorsa stagione gli interventi di salvataggio più importanti sono stati più o meno una ventina: in quasi la metà dei casi sono stati messi in salvo minorenni.

Commenti

commenti