NAPOLI, AGENTE SPARA E UCCIDE UN PITBULL. ENPA: PARTE CIVILE AL PROCESSO

NAPOLI, AGENTE SPARA E UCCIDE UN PITBULL. ENPA: PARTE CIVILE AL PROCESSO

347
CONDIVIDI
pitbull_bernnie.jpg

E’ stato rinviato a giudizio il poliziotto che a Napoli, il 12 luglio 2019, sparò e uccise un pitbull durante l’arresto di un pregiudicato. L’Enpa si costituirà parte civile.

L’Ente nazionale Protezione Animali aveva attivato il suo ufficio legale per assumere ogni opportuna iniziativa sulla vicenda del cane ucciso durante un controllo di polizia, presentando denuncia e sollevando una serie di interrogativi sul caso. Tra i punti da chiarire, oltre ovviamente alla dinamica del fatto, cioè come e perché un agente di polizia avrebbe sparato, il perché una persona sottoposta agli arresti domiciliari detenesse un pitbull e perché si sia ritardato a chiamare i soccorsi.

(Testo Enpa, foto di repertorio)

Commenti

commenti