PALERMO, SPIAGGIA PER CANI: ARRIVA LO STOP DELLA BUROCRAZIA

PALERMO, SPIAGGIA PER CANI: ARRIVA LO STOP DELLA BUROCRAZIA

45
CONDIVIDI
canespiaggia.jpg

Realizzare una spiaggia per cani a Palermo in cui le persone condannate a pene lievi possano svolgere i lavori di utilità sociale sostitutivi della reclusione. Questa – come riporta Ansa – la bella idea di un gruppo di cittadini che da due anni combattono con la burocrazia comunale e regionale. L’idea è piaciuta molto alla Lega del cane di Palermo che già gestisce il canile della Favorita e che ha stipulato una convenzione con il Tribunale di Palermo e l’Uepe, Ufficio esecuzione penale esterna a tal fine. Il progetto sarebbe una boccata d’ossigeno per i tanti proprietari di cani della città che rischiano multe salate se portano i loro animali in spiaggia. A bloccare il tutto è intervenuta, come spesso accade in Italia, una burocrazia sorda alle buone idee dei cittadini (e spesso allo stesso buonsenso). Il tavolo tecnico convocato dal Comune di Palermo attraverso un pool di esperti, tecnici, addestratori, amministratori comunali, aveva pensato di sfruttare un’area libera, prima gestita dall’Aeronautica, che si trova nella zona dell’Addaura. I volontari avrebbero pensato a tutto, al Comune sarebbe rimasto solo il costo esiguo dell’utenza relativa al consumo dell’acqua. L’dea, già realizzata in altre città siciliane come Messina e Catania, è ferma all’assessorato regionale al Territorio. Dalla Regione infatti è arrivato il no all’uso del tratto di costa individuato e il suggerimento a cambiare zona. Peccato che nelle aree indicate ci sia il divieto di balneazione.

Commenti

commenti