CALABRIA, INDAGATI OTTO MEMBRI DELLA TASK FORCE VETERINARIA

CALABRIA, INDAGATI OTTO MEMBRI DELLA TASK FORCE VETERINARIA

610
CONDIVIDI

Anche l’ex commissario ad acta per il piano di rientro del debito sanitario della Calabria, Massimo Scura, e l’ex sub commissario Andrea Urbani, direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, tra gli otto indagati dell’inchiesta
“Artemide” della Guardia di Finanza che ha disposto un sequestro preventivo di oltre 1 milione a carico di componenti della task force veterinaria regionale per l’illegittima percezione di emolumenti non dovuti. Come riporta Agi l’accusa è quella di abuso d’ufficio: oltre a Scura e Urbani, è indagato anche il coordinatore della task force veterinaria, Pasquale Turno. Secondo quanto accertato dalla Guardia di Finanza, “dal 2011 e fino al 2019 i componenti della task force veterinaria regionale, pur essendo stati impiegati ai sensi della legge regionale 8/2003, che prevede la possibilità di utilizzo dei dipendenti delle aziende sanitarie regionali senza oneri aggiuntivi, avevano indebitamente percepito tre differenti emolumenti non dovuti. I pagamenti erano stati determinati con provvedimenti assunti dal coordinatore della stessa task force e dai vertici delle strutture commissariali per la sanità calabrese”.

Commenti

commenti