VENETO, SI’ AL PROGETTO PER LA DIFESA DEGLI AMBIENTI DUNALI

VENETO, SI’ AL PROGETTO PER LA DIFESA DEGLI AMBIENTI DUNALI

24
CONDIVIDI

“Gli ecosistemi dunali sono ambienti molto difficili per gli organismi, al limite della sopravvivenza. Le cause sono dovute al vento forte e salmastro, al forte irraggiamento solare, alle temperature elevate, a un terreno molto povero di nutrienti e che non trattiene l’acqua. Solo piante e animali altamente specializzati possono vivere in questi ambienti e oggi, a causa del forte disturbo, sono minacciati di estinzione. Un’intensa pressione antropica, associata ad una generale mancanza di coscienza ecologica può infatti compromettere non solo il valore naturalistico e la funzionalità ecologica, ma anche gli elementi distintivi del paesaggio che costituiscono uno dei fattori di attrazione dei flussi turistici”. È questo il contesto sul quale nasce il progetto LIFE Redune, finanziato dal Programma Europeo LIFE 2014-2020. L’obiettivo è di ristabilire e mantenere l’integrità ecologica di 5 habitat dunali e delle popolazioni di Stipa veneta in 4 siti Natura 2000 presenti lungo la costa adriatica, attraverso l’uso di un approccio ecosistemico che considera tutte le componenti coinvolte (attività umane, habitat, specie e processi fisici). Il coordinamento è affidato all’Università Cà Foscari di Venezia, in collaborazione con EPC srl, SELC, Regione del Veneto e l’Agenzia Veneta per l’Innovazione nel settore primario.

Commenti

commenti