PAVIA,38 BRETON SEQUESTRATI A UN’ACCUMULATRICE: AL VIA LE ADOZIONI

PAVIA,38 BRETON SEQUESTRATI A UN’ACCUMULATRICE: AL VIA LE ADOZIONI

5452
CONDIVIDI

E’ partita la campagna di adozione per i 38 cani sequestrati a Marcignago, in provincia di Pavia, ad una donna, un’accumulatrice di cani, che li teneva in condizioni spaventose. Grazie all’impegno di Rete Solidale Enpa e della Sezione Enpa di Pavia i 38 Breton saranno presto pronti per iniziare una nuova vita ed entrare a far parte delle famiglie che sceglieranno di adottarli.

I cani, quasi tutti di razza Breton, sono stati trovati rinchiusi in una stanza, al buio, malnutriti, ricoperti di feci e urine e con le carni devastate da pulci e mosche. Recuperati dall’Ente Nazionale Protezione Animali sono stati affidati al rifugio Enpa di Pavia. Stanno lievemente meglio, reagiscono alle prime cure. Alcuni di loro sembrano essere meno spaventati e più socievoli. In molti sono stati lavati (tranne quelli più impauriti che hanno necessità ancora di qualche giorno per essere tranquillizzati), tutti sverminati e vengono nutriti con un misto umido e monoproteico. Inoltre, il clima fresco di questi giorni sta aiutando moltissimo.

I cani sono stati valutati dagli esperti cinofili del programma Enpa “Rete Solidale” e presto, una volta completate anche le sterilizzazioni, sempre a cura del programma Enpa “Rete Solidale”, saranno affidati alle famiglie adottanti. Le adozioni sono a cura della Sezione Enpa di Pavia, contattabile allo 338 135 1949 o scrivendo a pavia@enpa.org.

(Testo e immagine tratte dal sito Enpa.it)

Commenti

commenti