CATTURA DI M49, LAV: BASTA ACCANIMENTO, SIA RIMESSO IN LIBERTÀ

CATTURA DI M49, LAV: BASTA ACCANIMENTO, SIA RIMESSO IN LIBERTÀ

21
CONDIVIDI

La Provincia di Trento si accanisce contro M49 e a pochi giorni dall’inizio del letargo lo ha catturato con una trappola a tubo per la terza volta, nella zona del Lagorai, per rinchiuderlo nel Casteller.

La prigione del Casteller, da cui M49 era già fuggito due volte, è poco più di un recinto del tutto inadatto a ospitare orsi: chiediamo al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa di farsi garante della salvezza di M49 e chiediamo al Ministro e al Presidente Fugatti di sedersi ad un tavolo comune per trovare soluzioni diverse da ergastolo e uccisioni.

M49 era già fuggito due volte dal recinto del Casteller, dove peraltro era segregato in un angolo della struttura, stretto e angusto per qualsiasi orso. Uno spazio inadeguato, dove da alcuni giorni è stato portato anche l’orso M57 e dove è già presente l’orsa DJ3.

Escludiamo che M49 possa sopportare questa nuova reclusione: chiediamo che sia applicata la procedura prevista dal Pacobace (Piano d’azione interregionale per la conservazione dell’orso bruno nelle Alpi centro-orientali ) ovvero che l’orso venga nuovamente provvisto di radiocollare, rimesso in libertà consentendogli così, tra poco, di andare in letargo.

 (Testo e foto da Lav.it)

Commenti

commenti