CATTURA DI M49, COLDIRETTI ATTACCA: “ORSO COLPEVOLE DI MOLTI DANNI”

CATTURA DI M49, COLDIRETTI ATTACCA: “ORSO COLPEVOLE DI MOLTI DANNI”

219
CONDIVIDI
orsoalpi.png

“La cattura fa tirare un sospiro di sollievo a chi vive la montagna e si sente indifeso di fronte ai pericoli di un esemplare del quale è stata scientificamente accertata l’aggressività, responsabile da solo del 30% dei danni provocati dagli orsi presenti in Trentino”. Come riporta Ansa è questo il commento di Coldiretti alla cattura di M49 nella zona del Lagorai da parte degli uomini del Corpo forestale del Trentino. L’orso M49 – sostiene l’organizzazione agricola – è stato protagonista nel 2019 di 44 incursioni, tra stalle (26 casi), alveari (11 casi) e persino abitazioni (7 casi) e ha sbranato 13 mucche, 7 cavalli, 17 pecore e capre e 3 galline, oltre a ferire altri animali, secondo l’analisi dei dati della Provincia di Trento. “Una situazione che – specifica Coldiretti – ha provocato ansie e paura con la necessità di garantire la sicurezza dei turisti e amanti della montagna ma anche degli agricoltori e delle loro famiglie per evitare la fuga e l’abbandono dei pascoli e della tradizionale attività di alpeggio delle numerose malghe presenti, con danni economici ed ambientali incalcolabili”. “Un caso- incalza l’organizzazione- che rappresenta la punta dell’iceberg di una situazione fuori controllo dove la resistenza di chi lavora e vive sul territorio è ormai al limite per il proliferare dei grandi predatori con almeno 82 orsi e 13 branchi di lupi che rappresentano un grave rischio non solo per l’incolumità delle persone ma anche per le attività economiche alle prese con una difficile ripartenza dopo l’emergenza coronavirus”. “Le misure di contenimento – conclude Coldiretti- sono necessarie”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti