FAO: DA SPRECO ALIMENTARE 3,3 MILIARDI DI TONNELLATE DI GAS SERRA

FAO: DA SPRECO ALIMENTARE 3,3 MILIARDI DI TONNELLATE DI GAS SERRA

92
CONDIVIDI

Una vera e propria “maratona” virtuale che attraversa tutto il globo, dal Giappone a New York e San Francisco facendo perno su Roma. Come riporta Dire è l’iniziativa che accompagna oggi, martedì 29 settembre, la prima Giornata internazionale della Consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari. Saranno infatti connessi ricercatori, chef, innovatori e figure istituzionali da tre diversi continenti che parleranno delle problematiche correlate agli sprechi e delle azioni collettive e cooperative da stimolare a livello internazionale per rispondere al quadro comune dell’Agenda 2030 ONU per lo Sviluppo Sostenibile. L’evento è anche l’occasione per riascoltare le voci e i progetti elaborati dai Climate Shapers dell’ultimo Digital Boot Camp di Future Food Institute e FAO, il programma formativo lanciato per educare nuove classi di esperti sui temi del clima e dell’alimentazione sostenibile.

La prima giornata internazionale istituita dall’Onu per combattere lo spreco alimentare “è un momento importantissimo per capire e riflettere sui nostri comportamenti individuali e sulla responsabilità delle istituzioni per favorire un’economia sostenibile e circolare”, aggiunge Antonio Parenti, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea a Roma, “l’Unione europea ha messo l’ambiente e la lotta all’inquinamento al centro della sua strategia di ripartenza economica e sociale e questa giornata e’ un passo in quella direzione”.

“Un terzo di tutti i prodotti alimentari a livello mondiale (1,3 miliardi di tonnellate edibili) vengono perduti o sprecati ogni anno
lungo l’intera catena di approvvigionamento, per un valore di 600 miliardi di dollari. La riduzione degli sprechi di cibo e dei rifiuti potrebbe contribuire a recuperare le perdite economiche e ridurre gli oneri finanziari sulle persone più vulnerabili del mondo. La Banca mondiale ha stimato che nell’Africa subsahariana, una delle regioni più povere e più insicure del mondo, una riduzione dell’1 per cento delle perdite dopo la raccolta potrebbe portare a un guadagno di 40 milioni di dollari ogni anno; la maggior parte dei benefici andrebbe direttamente ai piccoli agricoltori locali. Più in generale la prevenzione degli sprechi potrebbe risolvere  abbondantemente l’intero problema della fame nel mondo”.

“Da una prospettiva ambientale le perdite e gli sprechi di cibo sono un utilizzo estremamente inefficiente delle risorse naturali. Secondo un altro studio della FAO la perdita di cibo e gli sprechi generano una quantità enorme di gas ad effetto serra, pari a circa 3,3 miliardi di tonnellate equivalenti di anidride carbonica. Se fossero una nazione lo speco e le perdite alimentari mondiali sarebbero il terzo emittente del mondo, solo dopo la Cina e gli Stati Uniti. Inoltre bisogna porre l’accento sulle grandi quantità di acqua e di fertilizzanti impiegate nella produzione di questo cibo, che purtroppo non raggiunge mai una bocca umana”.

Questo si legge nel rapporto “Spreco alimentare: un approccio sistemico per la prevenzione e la riduzione strutturali” pubblicato dall’Ispra.

Tra i comportamenti virtuosi contro lo spreco c’è quello della Doggy Bag. Con il Covid più di 1 italiano su 3 (34%) quando esce dal ristorante si porta sempre, spesso o almeno qualche volta a casa gli avanzi col noto contenitore per portare via il cibo non consumato ed evitare così che venga buttato. Questo quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixé diffusa in occasione della prima Giornata internazionale della Consapevolezza sugli sprechi e le perdite alimentari indetta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (Onu). Dall’analisi Coldiretti/Ixè si evidenzia però che il 18% lo fa solo raramente mentre il 14% degli italiani ritiene che sia da maleducati, da poveracci e volgare o si vergogna comunque a richiederla. Infine c’è anche un 21% degli italiani non lascia alcun avanzo quando va a mangiare fuori mentre il resto non li chiede perché non sa che farsene.

 

Commenti

commenti