ANCONA, CITES DENUNCIANO TRAFFICANTE DI CACTUS E ALTRE PIANTE RARE

ANCONA, CITES DENUNCIANO TRAFFICANTE DI CACTUS E ALTRE PIANTE RARE

80
CONDIVIDI

Come collezionista importava e vendeva illegalmente piante rare e in via di estinzione, in particolare cactus del deserto cileno e statunitense: come riporta Ansa i Carabinieri Forestali del Nucleo Carabinieri Cites di Ancona hanno denunciato un trafficante di Rimini e sequestrato 171 cactus appartenenti a specie in via di estinzione estirpati dai deserti cileni, messicani e americani. Il sequestro è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Ancona, nell’ambito dell’operazione “Atacama”, finalizzata al contrasto del traffico illecito di cactus tutelati dalla Cites (Convezione di Washington sulla tutela delle specie animali e vegetali in via di estinzione) e considerati a elevatissimo rischio di estinzione. Già lo scorso febbraio, all’inizio delle attività investigative, erano state sequestrate a carico di un marchigiano, residente a Senigallia, altre 930 piante, estirpate illegalmente nel corso di 7 viaggi in Cile e Argentina, e importate illecitamente – per aggirare i controlli – attraverso il sistema dell’invio di “pacchi postali” nell’Unione Europea. Secondo la Forestale i due indagati, il riminese e il marchigiano, avevano legami di affari con una ventina di clienti e rivenditori, 10 collezionisti stranieri e 9 italiani, per un giro d’affari di almeno un milione di euro.

(Un cactus del deserto, foto di repertorio)

Commenti

commenti