CALTANISSETTA, CACCIANO CONIGLI SELVATICI DI FRODO: DENUNCIATI

CALTANISSETTA, CACCIANO CONIGLI SELVATICI DI FRODO: DENUNCIATI

100
CONDIVIDI
caccia3.png

Un servizio antibracconaggio nella zona del “Vallone”, nell’area al Nord della provincia di Caltanissetta, ha portato alla denuncia di due cacciatori di frodo. Come riporta Dire i due uomini sono stati individuati dalle Guardie venatorie volontarie del WWF, congiuntamente ad altre guardie giurate. I bracconieri conducevano una muta di ben 9 cani nei pressi di un costone roccioso seminascosto, allo scopo di stanare i conigli selvatici. Tuttavia, la caccia al coniglio è stata sospesa dall’ordinanza del 26 ottobre scorso del TAR di Palermo, che ha bocciato il Calendario venatorio dopo il ricorso di Legambiente, LIPU e WWF. Così i due cacciatori – A. V. e A. F., entrambi di Acquaviva Platani – venivano fermati dagli Agenti venatori e sottoposti a controllo; nei loro carnieri erano presenti due conigli appena abbattuti. Deferiti alla Procura della Repubblica di Caltanissetta per il reato di cattura e detenzione di specie non cacciabili ai sensi dell’art. 30 della Legge sulla caccia n. 157 del 1992, i due ora rischiano un’ammenda fino 1.549,00 euro ciascuno.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti